0
Non hai articoli nel carrello.

0

Benvenuti nel nostro e-Commerce!

Monete e Zecche dei conti sabaudi

Doppio click sull'immagine per ingrandirla

Diminuisci
Ingrandisci

Altre viste

Monete e Zecche dei conti sabaudi

Breve descrizione

Da Oddone ad Amedeo VIII


IN PRENOTAZIONE

Disponibilità: Disponibile

Prezzo di listino: 400,00 €

Special Price 320,00 €

O

Dettagli

Per prenotare il volume al prezzo particolare di € 320,00 anzichè 400,00 si prega di compilare il modulo allegato ed effettuare il pagamento secondo le modalità indicate.

>>Clicca qui per il modulo di prenotazione / >> Cliquez ici pour le formulaire de réservation

 

Il libro esamina e riordina la monetazione medievale dei primi regnanti sabaudi, da Oddone (1051) ad Amedeo VIII Duca (1440), approfondendo le attività svolte dalle varie zecche e attribuendo tutte le monete conosciute con riferimento a eventi e periodi precisi.

 

La monetazione è illustrata in 19 capitoli, con descrizioni e fotografie in alta risoluzione di oltre 750 monete, tavole riassuntive per ogni regnante e riferimenti a un’ampia bibliografia. La rassegna approfondita delle monete include varianti e inediti provenienti da collezioni private, aste, siti numismatici ed esemplari storici presenti nei Medaglieri dei Musei Reali e del Museo Civico di Torino e del Museo Archeologico di Firenze.

 

Sino ad Amedeo IV la classificazione segue l’approccio tradizionale, basato sull’esame dello stile delle monete, sui contenuti delle impronte e delle legende, e sul confronto con le monetazioni coeve. Con riferimento ai documenti storici e ai cataloghi più recenti, è proposta una organizzazione temporale delle tipologie di monete, con l’inserimento di inediti e la riallocazione di esemplari attribuiti ai regnanti omonimi (Umberto e Amedeo).

 

Sotto Amedeo IV venivano aperte più zecche, al di qua e al di là delle Alpi e, per riconoscere le loro emissioni, veniva imposto agli zecchieri di apporre il proprio contrassegno, cioè la “firma”, su ogni moneta prodotta. Nel libro è illustrato il nuovo metodo, utilizzato per identificare e assegnare i contrassegni ai maestri di ciascuna zecca, che ha consentito di realizzare il primo catalogo dei contrassegni presenti sulle monete del periodo in esame. Il catalogo e le modalità d’uso di tali segni consentono l’attribuzione più precisa di ogni moneta al maestro, alla zecca, al regnante e al periodo di emissione, favorendo anche un utilizzo migliore delle notizie storiche sulla monetazione.

 

È stato così possibile rivedere numerose attribuzioni, non adeguate, effettuate in passato per le monete dei Conti omonimi, e per quelle prive del nome del Conte (anonime). Il libro descrive in dettaglio, e per la prima volta, la storia delle attività svolte da ogni zecca e zecchiere; i segni di zecca consentono infatti di approfondire le modalità di gestione delle zecche e di chiarire eventi sinora mai accertati, contribuendo ad arricchire e a svelare nuovi aspetti della storia metallica dei primi regnanti sabaudi.

Ulteriori informazioni

Autore/Curatore Giuseppe Rovera
Anno 2019
ISBN 978-88-7320-423-7
Descrizione

Per prenotare il volume al prezzo particolare di € 320,00 anzichè 400,00 si prega di compilare il modulo allegato ed effettuare il pagamento secondo le modalità indicate.

>>Clicca qui per il modulo di prenotazione / >> Cliquez ici pour le formulaire de réservation

 

Il libro esamina e riordina la monetazione medievale dei primi regnanti sabaudi, da Oddone (1051) ad Amedeo VIII Duca (1440), approfondendo le attività svolte dalle varie zecche e attribuendo tutte le monete conosciute con riferimento a eventi e periodi precisi.

 

La monetazione è illustrata in 19 capitoli, con descrizioni e fotografie in alta risoluzione di oltre 750 monete, tavole riassuntive per ogni regnante e riferimenti a un’ampia bibliografia. La rassegna approfondita delle monete include varianti e inediti provenienti da collezioni private, aste, siti numismatici ed esemplari storici presenti nei Medaglieri dei Musei Reali e del Museo Civico di Torino e del Museo Archeologico di Firenze.

 

Sino ad Amedeo IV la classificazione segue l’approccio tradizionale, basato sull’esame dello stile delle monete, sui contenuti delle impronte e delle legende, e sul confronto con le monetazioni coeve. Con riferimento ai documenti storici e ai cataloghi più recenti, è proposta una organizzazione temporale delle tipologie di monete, con l’inserimento di inediti e la riallocazione di esemplari attribuiti ai regnanti omonimi (Umberto e Amedeo).

 

Sotto Amedeo IV venivano aperte più zecche, al di qua e al di là delle Alpi e, per riconoscere le loro emissioni, veniva imposto agli zecchieri di apporre il proprio contrassegno, cioè la “firma”, su ogni moneta prodotta. Nel libro è illustrato il nuovo metodo, utilizzato per identificare e assegnare i contrassegni ai maestri di ciascuna zecca, che ha consentito di realizzare il primo catalogo dei contrassegni presenti sulle monete del periodo in esame. Il catalogo e le modalità d’uso di tali segni consentono l’attribuzione più precisa di ogni moneta al maestro, alla zecca, al regnante e al periodo di emissione, favorendo anche un utilizzo migliore delle notizie storiche sulla monetazione.

 

È stato così possibile rivedere numerose attribuzioni, non adeguate, effettuate in passato per le monete dei Conti omonimi, e per quelle prive del nome del Conte (anonime). Il libro descrive in dettaglio, e per la prima volta, la storia delle attività svolte da ogni zecca e zecchiere; i segni di zecca consentono infatti di approfondire le modalità di gestione delle zecche e di chiarire eventi sinora mai accertati, contribuendo ad arricchire e a svelare nuovi aspetti della storia metallica dei primi regnanti sabaudi.

Tag prodotto

Usa gli spazi per tag separati. Usa apostrofi singoli (') per frasi.